Giovedì, 06 Marzo 2014 21:25

Un ingegnere mantovano al servizio degli Este: Giovanni Angelo Bertazzolo

Vota questo articolo
(1 Vota)
Chiavica dell'Agrifoglio (sec.17) Chiavica dell'Agrifoglio (sec.17) Foto F. Cazzola

pubblicato in Società, cultura, economia. Studi per Mario Vaini., a cura di E. Camerlenghi, G.Gardoni, I. Lazzarini, V. Rebonato, Accademia Nazionale Virgiliana di scienze, lettere ed arti, Quaderni n. 2, Mantova 2013, pp. 275-294

Durante l'età di Alfonso II d'Este operò nei territori estensi un ingegnere mantovano, Giovanni Angelo Bertazzolo, esponente di una famiglia di periti d'acque e architetti, attivi alla corte dei Gonzaga come Prefetti o Superiori alle acque. Lo incontriamo nella bassa Reggiana impegnato in verifiche e perizie sul buon esito della Bonificazione di Gualtieri attuata dal marchese Cornelio Bentivoglio, ma anche nel territorio ferrarese per risolvere controversie idrauliche inerenti mulini e scolo delle acque. Una controversia diplomatica fra Estensi e Gonzaga, di cui rimane un carteggio, riguarda proprio il Bertazzolo il cui ritorno a Mantova era sollecitato dai signori mantovani.  

Letto 1634 volte Ultima modifica il Lunedì, 21 Aprile 2014 09:58
Mighty Free Joomla Templates by MightyJoomla